17Nov

Il prototipo "Compass" di Catchy tra i vincitori del fondo Google su Giornalismo e Innovazione

La start up italiana Catchy è tra le vincitrici internazionali della Digital News Initiative di Google. Catchy, fondata nel 2015 dai docenti di teoria delle reti e fisica statistica Guido Caldarelli e Alessandro Chessa, la manager informatica Alessandra Spada e dal giornalista e docente universitario Gianni Riotta, si occupa di Big Data, analisi delle reti, costruzione di modelli per la comunicazione digitale. Collabora con importanti aziende internazionali e ha generato paper per riviste scientifiche. Il progetto premiato si chiama “Compass” e analizza la diffusione di notizie false da siti creati per confondere e offuscare il dibattito online. “Compass” rintraccia e identifica le fabbriche di notizie false, e –soprattutto durante le crisi e le emergenze- permette ai cittadini, come ai professionisti dell’informazione, di orientarsi fra le bugie online.

 

"Compass", a project to identity false news by Italian start up Catchy, wins grant from Google Digital News Initiative

“You’re entitled to your own opinions. You’re not entitled to your own facts”, Senator Moynihan’s famous quote no longer applies in the digital age. From political elections to sport, healthcare, wars and cultures, public opinion increasingly clusters in angry communities, clinging to “their own facts”. According to the World Economic Forum, “the spread of false information is one of the most dangerous trends of our age”. Catchy, a research team composed of scientists and media analysts will implement a “Compass” to steer editors and the public away from tainted sources and toward legitimate websites, a crucial task during emergencies or breaking news.

"Compass" is a project by Catchy an Italian start up founded in 2015 by two scientists, Guido Caldarelli and Alessandro Chessa, a digital entrepreneur, Alessandra Spada, and a journalist and new media professor, Gianni Riotta.

 

"Compass", un progetto per identificare le notizie false, nato dalla start up italiana Catchy, vince un fondo da Google Digital News Initiative

“Hai il controllo delle tue opinioni. Non hai il controllo delle tue azioni”, la famosa citazione del Senator Moynihan non si applica più all’età digitale. Dalle elezioni politiche allo sport, la salute, le guerre e le culture, l’opinione pubblica si polarizza sempre di più in comunità arrabbiate, aggrappate alle “proprie azioni”. Secondo il World Economic Forum, “la diffusione di informazioni false è una delle tendenze più pericolose del nostro tempo”. Catchy, un team di ricercatori composto da scienziati e media analyst costruirà una “Bussola” al fine di guidare media e grande pubblico lontano dalle fonti contaminate e nella direzione dei siti affidabili, un obiettivo cruciale durante le emergenze e breaking news.

"Compass" è un progetto nato da Catchy, una start up italiana fondata nel 2015 da due scienziati, Guido Caldarelli e Alessandro Chessa, l'imprenditrice digitale Alessandra Spada e il giornalista e professore dei new media Gianni Riotta.