18Mar

M5s e Matteo Renzi: la battaglia politica continua a correre sul filo rosso delle fakenews

 

Mentre i vari schieramenti si fronteggiavano alla ricerca dell’ultimo consenso, la rete lasciava emergere tutta la propria avversione nei confronti dei toni eccessivi assunti dai vari candidati durante la campagna elettorale. A darne conferma sono stati i picchi che hanno scandito i giorni precedenti al voto. Se da un verso, però, il Movimento 5 stelle ha continuato ad essere considerato un unicum rispetto alla propria campagna mediatica, l’ex primo cittadino di Firenze e candidato premier del Pd Matteo Renzi è riuscito a sintetizzare nella propria persona tutte le antipatie dell’elettorato contrario alle scelte del centro-sinistra.

Totalmente diverse, invece, le considerazioni che gli utenti hanno consegnato all’etere rispetto all’annosa questione fakenews tra i simpatizzanti dei grillini e quelli di Renzi. I primi, a seconda del caso, sono stati designati vittime o colpevoli del riverbero delle false notizie diffuse dai media tradizionali. Il tutto ovviamente rincarato in concomitanza con le varie apparizioni televisive dei rappresentanti del movimento penta stellato.

Il secondo, all’opposto, è diventato il fulcro del fuoco incrociato dei tantissimi disillusi dall’operato dell’ex premier. Sulla sua testa, come una pesante spada di Damocle, hanno pesato le varie dichiarazioni che lo volevano prossimo alla dimissione dal ruolo di primo uomo del Partito Democratico, così come la scelta - per molti provocatoria - di proporre una Commissione d’inchiesta per le fakenews.

10Feb

Qualcuno parlerebbe di metafakenews per definire l’anomalo fenomeno che ha caratterizzato il chiacchiericcio 2.0 in materia di notizie bufala nel primo mese del nuovo anno. A una lettura più attenta, corroborata dall’oggettività dei dati, emerge difatti quanto il grande pubblico dei social si interroghi e si confronti in materia fakenews soprattutto in rapporto alle maggiori falle del sistema d’informazione internazionale e alla sue connessioni con la politica.

Su Twitter non cala l'attenzione verso le fake news. E tra Minniti e Zuckerberg nasce un file rouge

24Jan

Continente che vai, fake news che trovi. Se la presidenza di Trump continua a regalare quotidiani colpi di scena, la nostrana corsa alle politiche di marzo sta accendendo non pochi focolai sull’ormai pubblica questione delle notizie costruite ad arte. Sui social è stato subito scontro sul rincaro per i #sacchettibiodegradabili voluto dal governo di maggioranza #Pd e per le scelte amministrative del #M5S a #Roma.

Dai sacchetti biodegradabili ai rifiuti, dalla Siria all’UE: viaggio nelle prime fake news percepite del 2018

20Sep

Non più solo Trump: l’attualità al centro delle Fake News